Day 4 – Saturday 25

SOLID MUSIC MARKET: DANCING with ALGORITHMS

When: 16.00 - 17.00
a cura di SWARM
d_alonzo
Claudia D'Alonzo (HOST)Program Curator SWARM (IT)
signorelli
Andrea SignorinelliFreelance Journalist (IT)
scardapane
Simone ScardapanePOST-DOC FELLOW, UNIVERSITÀ SAPIENZA ROMA (IT)
10628549_10203748719712096_4968008182172737676_n
Federico Nejrotti Editor-in-Chief di Motherboard Italia (IT)
SOLID MUSIC MARKET: DANCING with ALGORITHMS: come deep learning e AI stanno trasformando la produzione, il gusto e la distribuzione musicale (a cura di Swarm)

Quali sono le principali differenze tra il Machine Learning e il Deep Learning? Cosa possiamo leggere della “Rivoluzione Algoritmica” al di là di visioni apocalittiche o entusiasmo per l’innovazione ad ogni costo? Quali sono le principali applicazioni del Machine Learning per la musica? Conosciamo davvero il loro funzionamento? Sappiamo che imparano da noi ma noi cosa stiamo imparando da loro?

In uno dei suoi articoli il blogger e divulgatore scientifico Frank Swain scrive che rapportarsi con gli algoritmi è come ballare senza sentire la musica e seguire soltanto i passi del partner. Una nella quale è facile riconoscersi: gli algoritmi intelligenti sono coinvolti in molta parte della nostra vita ma sono pochi quelli che conoscono le regole di questo nuovo ballo. Perché se da un lato gli algoritmi imparano da noi anche noi possiamo imparare i passi solo mentre stiamo danzando. Una metafora, quella della danza, che sembra ancora più calzante quando i dati e le informazioni coinvolte hanno a che fare con la musica.

All’interno del Solid Music Market di Linecheck Festival SWARM presenta un panel sulle trasformazioni che gli algoritmi di Intelligenza Artificiale e il Machine Learning sui modi di fare, distribuire e ascoltare musica.

SWARM nasce a Milano nel 2016 dall’esperienza di Souldesigner Hybrid Design Studio nel campo dell’interaction design. SWARM è un laboratorio aperto transdisciplinare basato sull’ibridazione dei linguaggi.

The (new) New World Tendencies
Aprire le frontiere, non solo quelle della politica europea, ma accettando un futuro dove suoni ancestrali provenienti da tutto il mondo entrano nel nostro habitat naturale e si mescolano con la musica urban ed elettronica. La scoperta di nuovi sound globali, creati proprio qui nelle nostre città, potrebbe essere il nuovo grande trend, portando un po’ più in là la presenza di elementi della contemporaneità nella musica del mondo. Apparentemente tutto ciò va oltre un approccio business alla world music, connettendo direttamente tra loro radici e innovazione attraverso i social media, generando spettacoli indimenticabili, syncs e tour sold out. La conferenza articola prospettive musicali, sociali e di business nell’analisi di ciò che potrebbe essere definito come la nuova New world music.
X